• English
  • French
  • Deutch
  • Italian
  • Arab
  • Spanish
  • Albanian
  • Last Modified: Giovedì 26 Aprile 2018, 15:53:07.

Maryam Rajavi: i nemici dell’Iran e di tutti gli iraniani sono i mullah al potere

Le rivolte simultanee in diverse province sono un chiaro segno della determinazione del popolo iraniano ad ottenere la libertà

In occasione delle recenti proteste su scala nazionale che hanno avuti luogo in diverse province, la Sig.ra Maryam Rajavi, il presidente eletto del Consiglio Nazionale delle Resistenza Iraniana, ha inviato il seguente messaggio:

Iran: 19 esecuzioni in una settimana

Il regime disumano dei mullah ha giustiziato 19 prigionieri nelle prigioni di Gohardasht, Urmia, Hamidan, Tabriz, Kermanshah e Ilam. Otto di loro furono impiccati collettivamente nella prigione di Gohardasht a Karaj il 18 aprile.

Lo stesso giorno, Bahman Varmazyar, un giovane prigioniero che era un allenatore sportivo, è stato giustiziato nel carcere di Hamadan.

Attenzione all'influenza maligna del regime iraniano in Africa

La necessità di affrontare anche in Africa l'ideologia reazionaria dell'Iran

Una delle dimensioni distruttive e pericolose meno notate delle attività internazionali del regime iraniano è la sua presenza in Africa; il seguente articolo di Heshmat Alavi, pubblicato su “Al Arabiya”, fa luce sugli aspetti principali di questa importante questione.

Iran: lo sciopero ha superato la settimana

 Rivolta dell'Iran - n. 144

Sabato 21 aprile, lo sciopero di mercanti e negozianti nelle province del Kurdistan, Kermanshah e West Azarbaijan è proseguito per il settimo giorno consecutivo. Anche i mercanti di Sar-e-Pol-e Zahab e Mahabad si sono uniti alla protesta venerdì. Nel frattempo, le forze repressive hanno arrestato un numero di scioperanti nei giorni scorsi per impedire la diffusione di queste proteste. Sabato, i mercanti di Sardasht hanno protestato davanti all'edificio del governatore contro l'aumento dei dazi doganali. 

L'attacco in siria serva come ammonimento al regime iraniano

NCRI staff

Quando l'ex presidente degli stati uniti Barak obama era in carica, era molto riluttante nel prendere decisiveposizioni riguardo il conflitto in Siria. era molto consapevole del non far nulla che potesse realmente colpire negativamente un potenziale attacco nucleare con l'Iran.

La comunità internazionale come può frenare la minaccia iraniana?

CNRI Staff 
Le politiche USA d'accondiscenza verso l'Iran sono finite. Quando il presidente Barak Obama era in carica, L'iran poteva contare su una totale mancanza di responsabilità. Obama, temendo che esprimendosi contro il regime o condannarlo per lasua belligeranza avrebbe fatto deragliare il patto nucleare, ha chiuso un occhio troppo frequentemente.

Premio Internazionale Medaglia d’Oro di Maison Des Artistes accordata a Reza Olia

Venerdì 13 Aprile la Casa degli Artisti italiana ha premiato Reza Olia, scultore, artista e membro del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana, con la medaglia d’oro internazionale.

La cerimonia si è tenuta nella sala Magna dell’Università di Roma in presenza del Vice Ministro Italiano alla Cultura, del presidente e dei membri del consiglio di amministrazione della Casa dell’Artista, di un certo numero di personalità italiane del mondo scientifico e della cultura e di giornalisti, direttori ed artisti.

Breve rapporto sull’Iran

- Iran: protesta delle vittime truffate da entità non autorizzate all’esposizione della borsa

TEHERAN: Mercoledì 18 Aprile un certo numero dei creditori truffati da alcune delle istituzioni finanziarie e di credito hanno espresso la loro protesta all’esibizione delle compagnie di Banca ed Assicurazione.

Copyright © 2018 CNRI - Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. All Rights Reserved.
;